Radio Show Note d’Oriente – Musica e Pace – 19/06/2013

Il nuovo appuntamento di Note d’Oriente è dedicato al tema “musica e pace”, ma anche “arte e guerra”.

Inizieremo la puntata andando in Libano dove dal 30 giugno prossimo si svolgerà il Festival internazionale di Baalbek. Come quasi ogni anno dal 1955, il più prestigioso festival artistico del Medio Oriente offre un programma in cui artisti stranieri si alternano ad artisti arabi e libanesi. Nonostante le turbolenze regionali, gli organizzatori del Festival sono ottimisti e scongiurano di non dover cancellare nessuno dei sei concerti inclusi nel programma.

Dal Libano passeremo poi in Tunisia per un aggiornamento sul processo ai danni del rapper Weld el XV a causa della sua canzone “Boulicia Kleb” (I poliziotti sono cani). Il 13 giugno scorso infatti l’artista è stato condannato a 2 anni di carcere con la motivazione di aver pubblicato un video ritenuto fortemente lesivo della dignità della polizia. In aula, la reazione è stata immediata e violenta. Molti cittadini, accorsi per seguire il processo, hanno protestato contro la polizia in modo molto acceso. Fuori dal palazzo di giustizia inoltre si sono verificati scontri tra le forze dell’ordine e i sostenitori del rapper.

Dalla Tunisia torniamo in Medio Oriente, più precisamente a Gaza, dove i giovani trovano nello skateboard un nuovo strumento d’espressione, una valvola di sfogo che mette alla prova non solo il loro fisico ma anche la loro creatività e perseveranza. Nella città della Striscia è stato infatti lanciato il progetto Skate4Life che si propone di rendere accessibile lo skateboard, fornendo attività educative e ricreative positive per i giovani, e di connettere le comunità di tutto il mondo.

Nel consueto spazio riservato ad Editoriaraba, Chiara Comito ci parlerà questa settimana della letteratura di viaggio.

Tornando in Tunisia vi presenteremo la seconda edizione del festival “Musiqa Wassalem”, che si terrà dal 18 al 23 giugno sulla spianata del Museo di Cartagine. L’ evento, che promuove musica alternativa nazionale e internazionale e offre l’opportunità di ascoltare musica non commerciale, è stato organizzato da un gruppo di giovani, il collettivo “Musiqa Wassalem” che conta tra i suoi membri i musicisti Badia Bouhriziz, Mustafa Mihub, Sherifa Jaibi, Mohammed Ben Said e Fatma Ben Said.

Concluderemo la puntata parlandovi del libro “Syrie: l’art en armes” di Delphine Leccas, la quale, attraverso le opere visive di alcuni artisti siriani, ci mostra come l’arte possa diventare un’arma potentissima contro l’abominio della guerra.

 

Playlist della puntata:

Radio Tehran – Bahar

Gene Band – Ya Mahalla el Fasiha

Balti, Klay BBJ, Wistar, Blidogg e Madou MC – #Sayeb15

Autostrad – Ehna Nhabasna

Nawel Ben Kraiem – La Ilah illa Allah

Tangeri Cafè Orchestra – El Hambra

Rania Shalaan feat. Amir Eid – Bahlam

Hindi Zahra – Beautiful Tango

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...